Anche se con un po’ di ritardo volevo condividere con colleghi e potenziali clienti l’esperienza del mio ultimo lavoro, ovvero la diretta streaming del 59° Carnevale di Melilli. 6 giorni, 6 ore al giorno, 4 camere e in livestreaming su Facebook e Youtube contemporaneamente. Abbiamo utilizzato le attrezzature e i metodi che solitamente utilizziamo per le nostre produzioni in HD (furgone regia, “uplink” 3G 4G), in un ambiente “social”. All’inizio ero contrario ad utilizzare un servizio “free” come Youtube o Facebook per la diretta, temevo di non avere le stesse garanzie di un servizio “premium”, ma mi sono dovuto ricredere.

Non una interruzione (grazie al nostro encoder che sfrutta fino a 8 connessioni 4G di 3, Vodafone e Tim ) e in più la flessibilità (e la visibilità)dei social: commenti, condivisioni e la possibilità di essere fruibili su qualsiasi dispositivo e in tutto il mondo (il nostro sistema supporta fino a 16 canali come facebook, twitter,woowza,youtube,livestream,ecc.).

Chi si occupa di produzione audio-video se non lo ha ancora fatto, dovrà rivolgersi ai social non solo come luogo di discussione, ma anche di fruizione di contenuti di qualità rispetto al passato. Di conseguenza bisogna proporsi sui social in un modo adeguato e professionale, pena la mancanza di coinvolgimento da parte di un pubblico sempre più esigente. Sui social non avremo solo prodotti amatoriali (gattini, riprese da cellulare), ma come è già avvenuto per quanto riguarda le serie televisive e i film (vedi Amazon, Netflix), anche gli altri generi tipicamente “televisivi” e i “live” in particolare saranno i contenuti privilegiati e più richiesti sui social (Twitter,Facebook,Youtube hanno investito moooolto sul livestreaming). Eventi locali potranno così raggiungere un pubblico potenzialmente globale e farsi conoscere, ma solo a patto di proporre prodotti professionali e di gradimento per il pubblico. Insomma la diretta dal telefonino o la webcam che trasmette per 24 ore dalla stessa angolazione fa parte del passato e “distrugge” la tua immagine sul web. Tale rivoluzione sarà completa quando( già in molti lo fanno), la fruizione dei social avverrà dalle smartv e quando i contenuti dei social saranno in grado di competere qualitativamente con gli standard del pubblico più affezionato alla tv.

E ciò sta avvenendo in questo momento, bisogna farsi trovare pronti. Noi ci proviamo con questa nuova offerta “avanzata” rivolta ai social.