Continua la serie di fotografie dedicate alle feste della tradizione del mio territorio. Non poteva mancare “Santa Venera”, patrona della città di Avola e venerata in tutta la Sicilia e non solo, come ho potuto scoprire da una veloce ricerca e leggendo alcuni cenni storici che vi ripropongo.

Sono molti i racconti sulla vita di Santa Venera. La tradizione siciliana vuole che sia nata nel 100 d.C vicino ad Acireale (Terme di Santa Venera al Pozzo). Figlia di due nobili cristiani della Gallia dediti alla carità e all’aiuto dei poveri. Studiò la Bibbia, cosa insolita per una donna di quell’epoca. A trent’anni donò tutti i suoi beni ai poveri e si dedicò ad aiutare i poveri e a predicare per tutta la Sicilia. Durante un viaggio in Calabria venne arrestata e torturata affinché cambiasse religione. Tuttavia le torture miracolosamente non avevano nessun effetto su di lei, ciò fece convertire il suo carnefice. Continuò a predicare fino il giorno della sua morte avvenuta per decapitazione.
E’ la patrona di diverse città: Acireale,Angellara,Avola,Carfizzi,Fermignano,Gerace,Ginosa,rappitello fraz. di Taormina e Santa Venera fraz. Barcellona Pozzo di Gotto(ME).